DATA: 04 Ottobre 2013

FONTE: http://misterobufo.corriere.it/ ( Blog di Flavio Vanetti )

AUTORE: Rino di Stefano

Lo sapevate che, da un momento all’altro, potremmo essere bombardati dal cielo a causa di un grosso gruppo di meteoriti che finirebbe proprio nel posto dove viviamo? I russi se ne sono accorti a loro spese nel febbraio scorso, quando una fitta caduta di pietre incandescenti ha provocato danni e feriti nella città di Čeljabinsk, a sud degli Urali.

Ed eravate al corrente che, tra la fine di aprile e l’inizio del maggio scorsi, a Washington si è svolta una audizione parlamentare del Congresso americano, che ha voluto ascoltare diversi esperti internazionali, proprio sul tema degli UFO? Qualcuno, poi, vi ha mai informato che tutte le notti, tra le 3 e le 4, mentre dormiamo, il nostro corpo secerne una molecola endogena, la dimetiltriptamina (D.M.T.) che potrebbe farci credere di essere stati rapiti dagli alieni?

Di tutte queste cose, e di molto altro ancora, si è parlato nel corso della Torriglia UFO Convention 2013, che si è svolta nelle giornate di sabato 14 e domenica 15 settembre nel cinema parrocchiale della cittadina sull’Appenino Ligure.

Era la seconda edizione. Già quella dell’anno scorso aveva riscosso un buon successo di pubblico e di stampa. Quella di quest’anno è andata ancora oltre, richiamando curiosi e appassionati da ogni parte d’Italia. Tra le curiosità, un pullman formato da soli carabinieri, proveniente da Venezia.

Ad un certo punto, in particolare la domenica, c’era così tanta gente che un muro umano impediva l’ingresso al cinema. Chi non è riuscito ad entrare, si è dovuto accontentare di seguire il convegno in diretta televisiva, attraverso tre maxi schermi, situati nei locali della vicina Torriglietta del Parco Antola.

In tutto si sono svolte quattro sessioni della manifestazione, due al mattino e due al pomeriggio. Il sabato mattina, a inizio convegno, ci sono stati i saluti degli organizzatori.

Il primo a prendere la parola è stato lo storico Mauro Casale, presidente del Comitato Torriglia UFO Convention. La seconda è stata l’architetto Raffaella Musante, vice sindaco del Comune di Torriglia. La terza, Daniela Segàle, presidente della Pro Loco Torriglia.

Subito dopo è iniziato il convegno. Si pensava che, almeno per quanto riguarda il sabato mattina, le presenze fossero limitate. Molti venivano da città lontane, come ad esempio Roma, per cui avevano bisogno di tempo per arrivare. Invece, già verso le 11 il cinema era quasi pieno.

Il primo a prendere la parola è stato Giorgio Pattera, biologo e responsabile del dipartimento scientifico del Centro Ufologico Nazionale (CUN). E’ stato lui a parlare dei pericoli provenienti dallo spazio, citando la terribile pioggia di meteoriti che ad inizio anno ha colpito la cittadina degli Urali. I filmati e le immagini di quel bombardamento “alieno” hanno subito suscitato interesse e sgomento tra gli spettatori. Chi può dire, infatti, se, dove e quando potrebbe avvenire il prossimo fenomeno?

Dal terrore proveniente dal cielo, si è passati al più razionale metodo d’indagine sui fenomeni ufologici, con la relazione di Paolo Fiorino, ricercatore e studioso del Centro Italiano Studi Ufologici (CISU). Fiorino, portando la sua testimonianza quarantennale di ricerche sul campo, ha proposto un metodo d’indagine per verificare la verità sugli avvistamenti ufologici segnalati. Praticamente, invece di improvvisarsi “ufologi” (con tutti gli eventuali errori che il dilettantismo può causare), il metodo CISU invita gli studiosi più seri a verificare nei fatti quanto è accaduto.

Nel pomeriggio, il primo relatore ad attrarre l’attenzione del pubblico, è stato Ade Capone, autore televisivo della nota trasmissione “Mistero” su Italia 1, nonché scrittore. Capone è stato molto seguito, e non gli sono mancati gli applausi, parlando di “Entità e altre dimensioni. Tra nuove teorie scientifiche e mistero”.

 Molto più scientifico è stato invece l’intervento dell’astrofisico Federico Tommasi, consulente del Gruppo Accademico Ufologico Scandicci (GAUS). Tommasi ha parlato dell’universo e della sua composizione, illustrando la ricerca di altre civiltà nella galassia.

Grande attesa, poi ricompensata da una esposizione brillante e coinvolgente, c’era invece per la relazione di Roberto Pinotti. Giornalista, scrittore, segretario nazionale del CUN e il più noto degli studiosi italiani  di ufologia a livello internazionale, Pinotti ha intrattenuto il pubblico esponendo quanto è accaduto tra il 29 aprile e il 3 maggio scorsi, a Washington, capitale degli USA, dove si è svolta una pubblica audizione parlamentare del Congresso americano, proprio sul tema degli UFO. Un Comitato formato da sei parlamentari del Congresso ha voluto ascoltare i massimi esperti mondiali in campo ufologico. Due soli gli europei invitati: un rappresentante del Regno Unito e, per l’Italia, Pinotti.

Ma l’intervento che forse ha coinvolto più direttamente il pubblico sul piano personale, nel senso che molti si sono sentiti chiamati in causa dalle sue parole, è stato quello di Enrica Perucchietti. Giornalista e scrittrice, autrice di diversi libri, la relatrice doveva parlare del fattore OZ, ovvero del possibile ruolo di una molecola endogena del corpo umano, la  dimetiltriptamina (D.M.T.), i cui effetti allucinogeni potrebbero far pensare di essere stati rapiti da esseri alieni. La curiosità sta nel fatto che questo ormone viene emesso spontaneamente di notte (tra le 3 e le 4), provocando, in alcuni casi, una specie di effetto sciamanico. Così, sulla base della quantità di D.M.T. che finisce nel sangue, c’è anche chi si crede di essere stato rapito dagli alieni. Le domande rivolte alla scrittrice sono state così tante che, ad un certo punto, è stato necessario interromperle per mancanza di tempo.

Giungiamo così alla mattina di domenica, quando Pietro Marchetti, presidente del GAUS, è intervenuto sulle vicissitudini del GEIPAN, cioè del Centro Francese di Studi e Informazioni per i Fenomeni Aerospaziali non identificati. In Francia, infatti, questi fenomeni vengono studiati da un ente pubblico che se ne occupa da anni. Ebbene, proprio luci e ombre delle indagini effettuate dal GEIPAN, hanno mostrato al pubblico del convegno la differenza culturale che esiste tra Italia e Francia in merito a questi argomenti.

Di grande interesse è stata anche la relazione di Alfredo Benni, analista e programmatore informatico, il quale ha esposto al pubblico il rapporto che esiste tra UFO e tecnologia nel contesto scientifico. Benni, portando a testimonianza quanto ha scritto il colonnello Corso dell’USAF, cioè colui che nel 1947 si è occupato per primo della presunta caduta di un disco volante nel deserto di Roswell, nel New Mexico, ha messo in evidenza le nuove scoperte scientifiche con gli studi che vennero eseguiti sui rottami del presunto velivolo alieno a Roswell.

La mattinata si è conclusa nel migliore dei modi grazie all’intervento di Elvio Fiorentini, ricercatore e collaboratore del CUN di Piacenza, che ha raccontato, mostrandone le immagini, il ritrovamento di incredibili oggetti (quali lampadine, pile e alianti) in blocchi di roccia e carbone di formazione plurimillenaria. Li chiamano “Out of Place ARTIfacts” (Reperti o manufatti fuori posto) e nessuno riesce a spiegarsene l’origine. Gli archeologi non sanno cosa dire, né la scienza riesce a fornire una spiegazione. Molti gli applausi a Fiorentini.

Ma è infine nel pomeriggio di domenica che c’era l’incontro più atteso. Quando Pier Flortunato Zanfretta è salito sul palco, il cinema era già strapieno. Tutti volevano ascoltare dalla sua viva voce il racconto di quelle ormai mitiche notti sulle fredde colline di Torriglia. Notti gelide e misteriose, anche per la presenza dei presunti alieni che, per diverse volte (Zanfretta sostiene undici), avrebbero incontrato l’ex metronotte. E tra una parte del racconto e l’altra, ad un certo punto tutti gli spettatori si sono alzati in piedi per tributare un lungo e caloroso applauso all’ex guardia giurata che ha avuto la vita rovinata solo perché ha raccontato quanto egli, in buona fede, ritiene gli sia accaduto.

Le domande sono state numerose. Zanfretta ha risposto a tutte, con pazienza e auto ironia. Il pubblico ha mostrato di apprezzare la sua sincerità e sono stati numerosi coloro che, a convegno terminato, hanno voluto farsi una foto con lui o gli hanno chiesto un autografo.

Nel complesso, l’organizzazione della Torriglia UFO Convention 2013 (grazie anche al team dei coordinatori e alla professionalità della Fontanabuona Viaggi) è stata all’altezza delle aspettative e tutto è andato bene. A questo punto il convegno si presenta come un appuntamento annuale, con sempre nuove iniziative in ogni edizione.

Quando Casale, Musante e Segàle sono tornati sul palco per salutare il pubblico, la soddisfazione tra partecipanti e organizzatori è stata reciproca. E anche Torriglia, che nei primi tempi era un po’ diffidente verso il convegno, adesso partecipa compatta all’evento.

Doveroso anche elencare tutti coloro che hanno patrocinato la manifestazione: Regione Liguria, Provincia di Genova, Camera di Commercio di Genova, Comune di Torriglia, Parco Antola, Pro Loco Torriglia, RAI, National Geographic Channel, la trasmissione televisiva “Mistero”, The Appennines UFO Club, Fontanabuona Viaggi, Vidigraph, B&B Digital Mapping, nonché questo stesso blog “Mistero bUfo” dell’amico e collega Flavio Vanetti. 

La cosa strana è che, mentre ormai si completavano le ultime fasi dell’organizzazione, giungevano notizie di altri avvistamenti ufologici sempre a Torriglia. Sono arrivate notizie, corredate di nomi e cognomi dei testimoni oculari, anche a giugno e in agosto. Ancora una volta, non si tratta di crederci o meno, ma solo di prenderne atto. Che piaccia o no, pare che gli UFO a Torriglia siano davvero di casa.

Rino Di Stefano

( Per vedere le foto del convegno cliccate sul seguente Link: http://misterobufo.corriere.it/2013/10/04/torriglia-land-of-ufos-cronaca-di-un-convegno-del-3-tipo/)

I Commenti sono chiusi

Login
PROGRAMMI E APPLICAZIONI
Ottobre  2018
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
   
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31  
PROGRAMMI TV

Ephemeris
Libra
Sun in Libra
1 degree
Pisces
Moon in Pisces
19 degrees
Waxing Gibbous Moon
Waxing Gibbous Moon
11 days old
On Line
Da Novembre 2010:

  • Questa pagina è stata vista: 8 volte

  • In linea ci sono:
    1 visitatori,
    54 visite oggi,
    97 visite ieri,
    1453 in totale

  • Pagine 373 viste oggi,
    549 ieri,
    in totale 21271

  • TopPost è Pagina: Elenco Articoli, TopBroswer è Home,
    TopOS è Home
  • Il tuo broswer è ,
    il tuo OS è ,
  • il tuo IP è: 54.198.212.30

  • Nel blog ci sono:
    5490 articoli,
    6 pagine.

Fornito da orario
Marquee Powered By Know How Media.