DATA: Domenica 24 Febbraio 2013

FONTE: Abstract della conferenza sulle scie chimice tenutasi a Roma

AUTORE: Giorgio dr. Pattera

 

Il Comitato Scientifico dell’Associazione “GALILEO – Centro Culturale di Ricerche Esobiologiche”, con sede a Corcagnano (PR) e composto da un Ingegnere Elettronico, un Ingegnere delle Telecomunicazioni, un Chimico Industriale, un Microbiologo ed un 1° M.llo A.T.G. del Servizio Meteorologico dell’Aeronautica Militare, intende sollecitare l’opinione pubblica, affinché focalizzi l’attenzione su quel fenomeno reale, ma ancora trascurato se non addirittura ignorato, comunemente denominato delle “scie chimiche” (chemtrails, in inglese). 

La documentazione raccolta, in forma di testimonianze oculari, immagini fotografiche ed analisi chimiche, mostra un fenomeno a carattere planetario e presente, anche nei nostri cieli, ormai da alcuni anni.

La natura delle “chemtrails” non è stata ancora inequivocabilmente definita, ma troppe evidenze ne suggeriscono l’origine da matrice non convenzionale, trattandosi, come di seguito meglio specificato, di una miscellanea di elementi chimici. E’ lecito, allora, chiedersi se sono possibili incidenze sulla salute dei cittadini, considerando  che, inevitabilmente, i costituenti delle suddette “scie” tendono a precipitare al suolo, a guisa del “fall-out” radioattivo, favoriti dagli eventi atmosferici (correnti aeree in quota, precipitazioni, nebbia, ecc.). Tali sostanze possono propagarsi anche a notevole distanza, su quadranti non interessati direttamente (visivamente) dalle chemtrails.

Che non si tratti delle comuni scie di condensazione del vapor acqueo contenuto nei gas di scarico dei propulsori a reazione degli aeromobili, sia civili che militari, è ormai di dominio pubblico. Lo confermano qualificate attestazioni scientifiche e la loro apparenza (così difforme dal consueto), che consiste nel perdurare esagerato ed immotivato in cielo, nel loro (inconcepibile) incrociarsi in porzioni aeree delimitate e l’insolita caratteristica della “sfrangiatura a denti di pettine”. Tutti elementi, questi, che le differenziano dalle comuni scie di condensazione.

E’ senza dubbio estremamente positivo l’interesse e la cura dimostrati dalle Istituzioni competenti, in questi ultimi anni, in riferimento alla qualità dell’aria. Coraggiose e spesso impopolari le decisioni prese al riguardo, con la restrizione della circolazione di autoveicoli e motocicli all’interno della cerchia urbana, specie per i mezzi vetusti e maggiormente inquinanti; così come il controllo delle emissioni degli impianti di riscaldamento, sia pubblici che privati, sul territorio. Tutto questo, comunque, risulterebbe privo di valenza concreta, qualora fosse accertato che le suddette “scie chimiche”, indipendentemente da CHI e PERCHE’ siano prodotte e/o commissionate, rappresentino una fondata minaccia per la salute dei cittadini.

Si rivelerebbe insufficiente, infatti, il tentativo di contrastare l’incidenza dei decessi per malattie polmonari, causati dallo smog urbano e superiori a quelli per incidenti stradali, limitando le emissioni nocive dal basso, quando componenti altrettanto pericolosi potrebbero ricadere dall’alto sulle nostre teste.     

Le nostre affermazioni sono validamente supportate da tangibili prove, raccolte in un ormai voluminoso “dossier”, sia a livello internazionale che locale. Anche nei cieli di Parma, recentemente, si sono osservate tali scie anomale, l’ultima delle quali rilevata sulla verticale del centro urbano di Salsomaggiore Terme ed opportunamente documentata da un testimone oculare. Ma le attestazioni più sconcertanti provengono dalle analisi chimiche quali-quantitative, effettuate a cura dei ricercatori di “GALILEO” nel dicembre 2005, presso un laboratorio specializzato del CNR. Tali indagini hanno portato all’identificazione, nelle acque piovane immediatamente successive alla comparsa delle “chemtrails”, di sostanze ASSOLUTAMENTE ESTRANEE alla normale composizione dell’atmosfera. Una serie di sostanze che non solo non hanno nulla a che fare con l’ambiente aereo NATURALE, ma che, se inalate o ingerite (direttamente o indirettamente), sono CERTIFICATE come PATOGENE per l’organismo umano: quarzo (=silicosi), alluminio (=Alzheimer), bario (=sclerosi multipla), titanio, polimeri organici non meglio identificabili (=morbo di Morgellons), ecc.

Dette sostanze, se inalate per lungo tempo (e le scie in oggetto rimangono visibilmente compatte in cielo anche per molte ore, a differenza di quelle “normali” di condensazione, che si dissolvono in pochi minuti), risultano altamente pericolose a livello polmonare e potenzialmente foriere, fra l’altro, della SILICOSI, che può manifestarsi anche a distanza di anni dall’esposizione ai suddetti agenti inquinanti.

A riprova delle preoccupazioni percepite anche dalle Istituzioni Comunitarie, circa la potenziale pericolosità del fenomeno in oggetto, ricordiamo le recenti interrogazioni formulate sull’argomento al Parlamento Europeo. In quest’ottica, l’On.Piero Ruzzante, nell’ottobre 2003 (seduta 379, n.° 3/02792), ha posto un’interrogazione al Governo Italiano (al Ministro Ambiente e tutela territorio, al Ministro Infrastrutture e Trasporti, al Ministro della Salute, al Ministro della Difesa), per sapere:
”Se il fenomeno sia oggetto di rilevazione o di studio, per la parte di competenza di ciascun dicastero, direttamente o attraverso ricerche affidate a soggetti specializzati; se siano già in possesso dei dicasteri interessati, ciascuno per la parte di competenza, dati o ipotesi che possono in qualche modo far luce sul fenomeno; se in particolare il Ministro della difesa sia in possesso di elementi, raccolti direttamente o indirettamente, sul fenomeno sopra descritto”. A questa prima interrogazione, che mai ha ottenuto risposta soddisfacente, ne sono seguite altre, tutte dello stesso tenore, formulate da diversi Parlamentari (Di Pietro, Brandolini, Scilipoti), oltre a quella inviata direttamente da parte dell’ADICONSUM al Presidente della Rupubblica, Napolitano.

In sintonia con quest’ultima iniziativa, il Consiglio Direttivo di “GALILEO”, il Circolo Culturale di cui il sottoscritto è uno dei soci fondatori, ha deciso all’unanimità (per la tutela della salute, nostra e conseguentemente di tutti) di inviare nel gennaio del 2007 un esposto-denuncia, corredato da una fitta serie di documentazioni scientifiche e fotografiche, a tutti gli Enti istituzionali di Parma e Provincia. Risultato: l’unica risposta è stata quella dell’A.R.P.A., che ha dichiarato (cito testualmente) “…le normative attualmente in vigore, inerenti le nostre indagini, non contemplano i fenomeni da voi descritti…”. Loro non contemplano, noi non commentiamo: questa affermazione si commenta da sola e, curiosamente, ricorda la risposta menzionata da Enzo Jannacci nella sua canzone “QUELLI CHE…”: “…(La mafia?)… NON CI RISULTA…”.

Sulla “scia” (è proprio il caso di dirlo…!) dell’iniziativa di “GALILEO”, la mattina del 14 dicembre 2007 il CODACONS – Friuli Venezia Giulia, nella persona dell’avv. Vitto Claut, ha provveduto a posizionare davanti alla base militare di Aviano (PN) una postazione di rilevamento e studio sul fenomeno delle “chemtrails”.

Allo stato attuale, ogni ipotesi può essere plausibile, tanto come assurda: gli scopi reali e finali, come del resto avviene per mille altri eventi, forse non li conosceremo mai. A mio modesto avviso, la modificazione (o la contro-modificazione) del clima ne detiene la maggiore “chance” ed il progetto “HAARP”, già concepito da oltre un decennio, vi è implicato fino al collo. Ma forse non ha funzionato come gli ideatori si attendevano (=effetti troppo lenti e non localizzabili con precisione): di conseguenza, le “chemtrails” ne sono una logica nonché consequenziale estensione, per ottimizzare (ed accelerare) il risultato finale. Pertanto, nella migliore delle ipotesi (alla faccia del termine “migliore”!), le ricadute negative per la salute umana delle “scie chimiche” altro non sarebbero se non un “effetto collaterale” e/o “secondario”, come conseguenza inevitabile d’un fine non individuabile, per ora, con assoluta certezza. Per intendersi, un po’ quello che accade col famigerato “bugiardino” dei medicinali: gli “effetti indesiderati” vengono considerati “trascurabili”, in vista dello scopo primario, quello della cura della malattia o della remissione della sintomatologia. Salvo poi, quando si manifestano (ma è già troppo tardi), l’invito a comunicarlo al medico o al farmacista: fuggiti i buoi, si chiude la stalla. Volendo traslare la similitudine in politica, lo stesso ragionamento può trasformarsi nella ben nota “ragion di stato” o nel machiavellico “il fine giustifica i mezzi” (specie quando le conseguenze ricadono su altri…).

Anche la RAI se n’è recentemente “occupata”, nel corso della trasmissione dedicata al mistero della morte di Lady Diana, facendo “passare” per ultimo (oltre la mezzanotte, ovviamente) un servizio ove venivano accomunati il fenomeno UFO, l’attentato alle Torri Gemelle, il (supposto) finto sbarco sulla Luna e, appunto, le scie chimiche: tutto questo sotto l’etichetta di “COMPLOTTISMO” (!); et voilà, il gioco al discredito e alla disinformazione è servito ! Viva mamma-RAI, viva il canone (per chi lo paga) !

La mia impressione, anche se può sembrare sensazionalistica, è che “qualcuno” ci stia sottoponendo ad una “VACCINAZIONE di MASSA”, con il rischio che ogni vaccinazione comporta; o, in altri termini, stia preparando un’altra “ARCA di NOE’” !

Ma speriamo che non piova…

I Commenti sono chiusi

Login
PROGRAMMI E APPLICAZIONI
Gennaio  2018
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
   
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31  
PROGRAMMI TV

Ephemeris
Aquarius
Sun in Aquarius
0 degrees
Aries
Moon in Aries
15 degrees
First Quarter Moon
First Quarter Moon
6 days old
On Line
Da Novembre 2010:

  • Questa pagina è stata vista: 6 volte

  • In linea ci sono:
    1 visitatori,
    12 visite oggi,
    31 visite ieri,
    908 in totale

  • Pagine 326 viste oggi,
    323 ieri,
    in totale 21813

  • TopPost è Pagina: Cookies Policy, TopBroswer è Home,
    TopOS è Home
  • Il tuo broswer è ,
    il tuo OS è ,
  • il tuo IP è: 54.234.190.237

  • Nel blog ci sono:
    5485 articoli,
    6 pagine.

Fornito da orario
Marquee Powered By Know How Media.